Doppio Pignoramento Della Pensione: Come Funziona

Il pignoramento della pensione è una procedura legale che consente ai creditori di recuperare i debiti non pagati dai pensionati attraverso trattenute sulla loro pensione. La questione diventa particolarmente complessa quando si tratta di doppio pignoramento della pensione, ovvero quando un pensionato è soggetto a più ordini di pignoramento per debiti diversi. Questo scenario è disciplinato da leggi specifiche che mirano a bilanciare i diritti dei creditori con la necessità di garantire al pensionato un reddito minimo per il sostentamento. Nel 2024, le norme riguardanti il pignoramento della pensione sono state ulteriormente precisate per rispondere alle esigenze di tutela dei pensionati e assicurare un trattamento equo tra creditori.

Il pignoramento della pensione può avvenire in due modi principali: presso l’ente previdenziale (come l’INPS) prima che la pensione venga accreditata sul conto corrente del pensionato, oppure direttamente sul conto corrente bancario dove la pensione è depositata. Nel primo caso, le trattenute vengono effettuate prima che il pensionato riceva il denaro, mentre nel secondo caso il pignoramento avviene sulle somme già accreditate sul conto. È importante notare che in entrambi i casi esistono limiti precisi sulla quantità di denaro che può essere pignorata, stabiliti per proteggere i pensionati da condizioni di indigenza.

Un elemento chiave nella procedura di pignoramento della pensione è il cosiddetto “minimo vitale”, una soglia sotto la quale il pignoramento non può scendere per garantire al pensionato un livello di reddito minimo sufficiente per vivere. Attualmente, il minimo vitale è calcolato come il doppio dell’assegno sociale, che nel 2024 è fissato a 503,27 euro al mese. Questo significa che qualsiasi pignoramento deve lasciare al pensionato almeno 1.006,54 euro al mese. Tuttavia, questa soglia può variare leggermente a seconda delle rivalutazioni annuali dell’assegno sociale.

Per il pignoramento delle somme già accreditate sul conto corrente, la legge stabilisce che possono essere pignorate solo le somme che eccedono il triplo dell’assegno sociale. Ad esempio, se il saldo del conto è di 4.000 euro, il creditore può pignorare solo la parte eccedente 1.509,81 euro, cioè 2.490,19 euro. Questo meccanismo è progettato per assicurare che i pensionati non siano completamente privati dei loro mezzi di sostentamento immediati.

Il caso del doppio pignoramento della pensione introduce ulteriori complessità. La legge permette la coesistenza di più pignoramenti sulla stessa pensione solo se i crediti appartengono a categorie diverse. I crediti sono suddivisi in tre categorie principali: crediti per imposte, sanzioni e tasse; crediti per assegni alimentari e mantenimento; e altri crediti, come quelli verso banche e finanziarie. Se un pensionato ha debiti in due categorie diverse, ad esempio una cartella esattoriale non pagata e un prestito bancario, può subire pignoramenti da entrambi i creditori. Tuttavia, la somma totale pignorata non può mai superare la metà della pensione. Questo limite del 50% è stato stabilito per evitare che il pensionato si trovi senza risorse sufficienti per vivere.

Nel dettaglio, se un pensionato con una pensione netta di 4.000 euro ha un debito con il fisco e un altro con una finanziaria, e se entrambi i creditori decidono di pignorare la pensione, la somma totale pignorabile sarà al massimo 2.000 euro. Supponiamo che il fisco pignori un quinto della parte eccedente il minimo vitale (quindi 1/5 di 2.993,46 euro, pari a 598,69 euro), e la finanziaria faccia lo stesso. Tuttavia, poiché il totale non può superare il 50%, il pignoramento massimo sarà limitato a 2.000 euro, garantendo che al pensionato restino comunque 2.000 euro al mese.

La gestione di più pignoramenti diventa ancora più complicata quando entrano in gioco i tempi e le modalità di esecuzione. Se i pignoramenti vengono richiesti contestualmente, il giudice può disporre la riunione delle procedure, permettendo ai creditori di concorrere proporzionalmente sulla quota pignorata. Questo significa che ogni creditore riceverà una parte proporzionale del denaro pignorato. Se invece uno dei pignoramenti viene richiesto successivamente e la quota pignorata è già stata assegnata al primo creditore, il secondo creditore dovrà attendere che il primo sia completamente soddisfatto prima di poter iniziare a ricevere pagamenti.

La protezione del minimo vitale e la limitazione del pignoramento a un massimo del 50% della pensione sono misure fondamentali per garantire che i pensionati non cadano in condizioni di povertà a causa dei debiti. Tuttavia, queste misure devono essere bilanciate con il diritto dei creditori a recuperare i loro crediti. La normativa attuale cerca di trovare un equilibrio tra questi due interessi, ma la situazione può diventare complessa quando i pensionati hanno più debiti di diversa natura.

È anche importante considerare le implicazioni pratiche per i pensionati che si trovano in questa situazione. Oltre alla perdita di una parte significativa del loro reddito mensile, i pensionati devono affrontare la burocrazia e le procedure legali associate ai pignoramenti. Questo può includere la necessità di comparire in tribunale, di rispondere a notifiche legali e di coordinarsi con avvocati e consulenti finanziari per gestire i loro debiti.

La complessità della situazione è ulteriormente aggravata dal fatto che molte persone anziane potrebbero non avere le risorse o le capacità per navigare in questi processi legali e amministrativi. Pertanto, è fondamentale che ci siano servizi di supporto disponibili per aiutare i pensionati a comprendere i loro diritti e le loro opzioni. Organizzazioni di assistenza legale, consulenti finanziari e altre risorse possono fornire supporto essenziale in queste circostanze.

Un altro aspetto da considerare è l’educazione finanziaria dei pensionati e dei loro familiari. Capire come funziona il pignoramento della pensione e quali sono i propri diritti può aiutare a prevenire situazioni in cui i pensionati vengono colti di sorpresa da ordini di pignoramento. Inoltre, una migliore gestione dei debiti e una pianificazione finanziaria preventiva possono ridurre il rischio di incorrere in situazioni di sovraindebitamento che portano al pignoramento della pensione.

In conclusione, il pignoramento della pensione, e in particolare il doppio pignoramento, rappresenta una questione complessa che richiede una comprensione dettagliata delle leggi e delle procedure applicabili. Le norme attuali cercano di proteggere i pensionati garantendo un minimo vitale e limitando il totale pignorabile, ma la realtà pratica di gestire più debiti e pignoramenti può essere complicata e onerosa. I pensionati e i loro familiari devono essere informati e supportati adeguatamente per navigare in queste situazioni difficili.

Ma andiamo nel dettaglio con domande e risposte.

Domanda: Quali sono i limiti di pignoramento della pensione sul conto corrente?

Risposta: Esiste una diversa disciplina a seconda che il pignoramento della pensione avvenga sul conto corrente ove questa viene accreditata o presso l’Inps. La scelta sulla modalità di pignoramento (in banca o presso l’Inps) è rimessa al creditore. Nel caso di pignoramento della pensione sul conto corrente, le somme che si trovano già depositate in banca all’atto della notifica del pignoramento possono essere pignorate solo per la parte che eccede il triplo dell’assegno sociale. Ad esempio, se l’assegno sociale è di 503,27 euro, il triplo è 1.509,81 euro. Se sul conto ci sono 4.000 euro, il creditore può pignorare solo la differenza, ossia 4.000 – 1.509,81 = 2.490,19 euro.

Domanda: Cosa succede alle successive mensilità accreditate sul conto?

Risposta: Quanto alle successive mensilità che verranno di volta in volta accreditate dall’Inps, la banca effettuerà una trattenuta di un quinto, previo ordine del giudice. In ogni caso, la prima mensilità successiva al pignoramento non può mai essere pignorata.

Limiti di pignoramento della pensione all’Inps: il minimo vitale

Domanda: Quali sono i limiti di pignoramento della pensione presso l’Inps?

Risposta: Nel caso di pignoramento della pensione presso l’Inps, prima cioè dell’accredito della stessa sul conto corrente, il pignoramento può avvenire nei limiti di un quinto della pensione a cui però va prima sottratto il cosiddetto minimo vitale, necessario al sostentamento del pensionato. Il minimo vitale è pari al doppio dell’assegno sociale e non può mai scendere al di sotto di mille euro. Quindi, se l’assegno sociale è di 503,27 euro, il minimo vitale è 1.006,54 euro.

Domanda: Come si calcola il quinto pignorabile su una pensione?

Risposta: Ogni pensione può essere pignorata per massimo un quinto della parte che eccede il minimo vitale di 1.006,54 euro. Ad esempio, su una pensione di 3.500 euro, si può pignorare un quinto di 2.493,46 euro (3.500 – 1.006,54 = 2.493,46), quindi 498,69 euro al mese.

Ci possono essere più pignoramenti sulla pensione?

Domanda: La legge consente la coesistenza di più pignoramenti sulla stessa pensione?

Risposta: La legge consente la coesistenza di più pignoramenti sulla stessa pensione solo se i crediti hanno natura diversa. Esistono tre categorie di crediti: crediti per imposte, sanzioni e tasse; crediti per assegni alimentari e mantenimento; altri crediti (ad esempio banche, finanziarie, ecc.). Si può quindi avere un doppio pignoramento della pensione se un credito appartiene a una categoria e il secondo a un’altra. In ogni caso, la somma dei pignoramenti non può mai erodere più della metà della pensione; in altri termini, il pignoramento non può mai superare il 50% dell’assegno erogato dall’Inps.

Domanda: Cosa succede se i crediti appartengono alla stessa categoria?

Risposta: Se i crediti appartengono alla stessa categoria, si seguono queste regole:

  • Se il secondo pignoramento viene eseguito contestualmente al primo, ossia prima dell’assegnazione del quinto della pensione al creditore, il giudice dispone la riunione delle procedure e i due creditori concorrono proporzionalmente sulla quota pignorata.
  • Se il pignoramento antecedente è stato già disposto, il creditore della seconda espropriazione dovrà attendere che sia completamente soddisfatto il creditore precedente.

Domanda: L’Inps o la banca devono specificare i pignoramenti già eseguiti?

Risposta: Sì, l’Inps o la banca, nella propria dichiarazione fornita al creditore, devono specificare i pignoramenti già eseguiti in precedenza e le cessioni che gli sono state notificate o che ha accettato.

Limiti di pignoramento su più creditori

Domanda: Esistono limiti specifici quando ci sono più creditori?

Risposta: Sì, quando ci sono più creditori appartenenti a categorie diverse, la somma dei pignoramenti non può mai superare la metà della pensione. Ad esempio, se un pensionato ha una pensione di 4.000 euro, e ha debiti con il fisco (una categoria) e con una finanziaria (un’altra categoria), il massimo che può essere pignorato è 2.000 euro al mese.

Esempi pratici di pignoramento della pensione

Domanda: Può fornire esempi pratici di pignoramento della pensione?

Risposta: Certamente, vediamo alcuni esempi:

  • Esempio 1: Un pensionato con una pensione netta di 3.000 euro al mese ha un debito con una banca. La parte pignorabile è quella eccedente il minimo vitale di 1.006,54 euro, quindi 1.993,46 euro. Un quinto di 1.993,46 euro è 398,69 euro.
  • Esempio 2: Un pensionato con una pensione di 4.500 euro ha debiti sia con il fisco sia con una finanziaria. Il fisco può pignorare un quinto della parte eccedente il minimo vitale, cioè 698,69 euro. La finanziaria può pignorare un quinto della parte eccedente il minimo vitale, sempre 698,69 euro. Tuttavia, il totale pignorato non può superare il 50% della pensione, quindi massimo 2.250 euro.

Domanda finale: È possibile evitare il doppio pignoramento della pensione?

Risposta: Per evitare il doppio pignoramento della pensione, il pensionato può cercare di rinegoziare i termini del debito con i creditori o chiedere al giudice la riduzione del pignoramento. Inoltre, potrebbe essere utile consultare un avvocato esperto in materia per valutare tutte le opzioni legali disponibili.

Conclusioni e Come Possiamo Aiutarti e Difenderti In Studio Monardo, Gli Avvocati Specializzati In Opposizione a Pignoramenti Della Pensione

La complessità del sistema legale che regola i pignoramenti della pensione in Italia nel 2024 rende evidente l’importanza di avere al proprio fianco un avvocato esperto in opposizioni a pignoramenti. L’esperienza e la competenza di un legale specializzato sono essenziali non solo per comprendere a fondo le normative vigenti, ma anche per garantire che i diritti del pensionato siano pienamente tutelati. Questo è particolarmente vero in situazioni intricate come quella del doppio pignoramento della pensione, dove le dinamiche legali possono diventare estremamente complicate.

Innanzitutto, un avvocato esperto è in grado di fornire una consulenza precisa e personalizzata, valutando attentamente ogni singolo caso. Ogni pensionato ha una situazione finanziaria unica, con diverse fonti di debito e differenti esigenze di vita. Un legale esperto può analizzare tutti gli aspetti della situazione finanziaria del pensionato, identificando le strategie legali più appropriate per minimizzare l’impatto del pignoramento. Ad esempio, potrebbe consigliare di contestare il pignoramento basandosi su eventuali errori procedurali commessi dal creditore o dimostrando che il pensionato non dispone dei mezzi sufficienti per vivere una vita dignitosa se il pignoramento fosse eseguito.

Un altro motivo cruciale per avere un avvocato esperto al proprio fianco è la capacità di navigare tra le diverse leggi e regolamenti che disciplinano il pignoramento della pensione. Le normative italiane sono complesse e spesso aggiornate, con nuovi decreti e sentenze che possono influire significativamente sui diritti dei pensionati. Per esempio, le recenti modifiche introdotte dal Codice della crisi d’impresa e dell’insolvenza e altre normative specifiche richiedono un’interpretazione attenta e competente. Un avvocato specializzato è aggiornato su tutte le novità legislative e giurisprudenziali, garantendo che il pensionato sia sempre al corrente delle ultime modifiche e di come queste possano influenzare il suo caso specifico.

Inoltre, un avvocato esperto può essere fondamentale per interfacciarsi efficacemente con l’INPS e altre istituzioni finanziarie. La burocrazia italiana può essere notoriamente lenta e complicata, e avere un legale che sappia esattamente quali documenti presentare, come compilare le richieste e come rispondere alle notifiche può fare una grande differenza. Questo supporto pratico può ridurre significativamente lo stress e l’ansia associati alla gestione di un pignoramento, permettendo al pensionato di concentrarsi su altre aree della sua vita.

L’opposizione al pignoramento della pensione può coinvolgere vari gradi di giudizio, dai tribunali ordinari fino alla Corte di Cassazione, in alcuni casi. Un avvocato esperto è in grado di rappresentare il pensionato in ogni fase del processo legale, fornendo un’assistenza continua e garantendo che tutte le opportunità di difesa siano adeguatamente esplorate. Questo è particolarmente importante perché, in assenza di una rappresentanza legale competente, il pensionato potrebbe perdere delle possibilità cruciali per proteggere il proprio reddito.

Il ruolo di un avvocato non si limita alla difesa in tribunale. Un legale esperto può anche fornire una consulenza preventiva, aiutando il pensionato a prendere decisioni informate per evitare il pignoramento. Ad esempio, potrebbe suggerire modalità di gestione del debito, come la rinegoziazione dei termini del prestito con i creditori o l’accesso a programmi di assistenza per il debito che potrebbero ridurre la necessità di un pignoramento. In questo modo, l’avvocato può contribuire a prevenire situazioni critiche prima che diventino insormontabili.

La comunicazione efficace è un altro aspetto cruciale che un avvocato esperto può offrire. Il linguaggio legale può essere difficile da comprendere per chi non ha una formazione giuridica. Un avvocato esperto sa come spiegare concetti complessi in termini chiari e comprensibili, assicurando che il pensionato comprenda pienamente la propria situazione e le possibili strategie di difesa. Questa comprensione è fondamentale per prendere decisioni informate e sentirsi più sicuri durante tutto il processo legale.

Infine, l’aspetto umano del supporto legale non deve essere sottovalutato. Affrontare un pignoramento può essere estremamente stressante e avere un impatto significativo sulla salute mentale e fisica del pensionato. Un avvocato esperto non è solo un consulente legale, ma può anche offrire un sostegno morale, ascoltando le preoccupazioni del pensionato e fornendo rassicurazioni basate sulla propria esperienza e competenza. Questa relazione di fiducia può fare una grande differenza nel modo in cui il pensionato affronta la situazione, migliorando il suo benessere complessivo.

In conclusione, l’importanza di avere al proprio fianco un avvocato esperto in opposizioni a pignoramenti della pensione non può essere sottolineata abbastanza. La competenza legale, la capacità di navigare nella burocrazia, la rappresentanza in tribunale, la consulenza preventiva e il supporto umano sono tutti elementi cruciali che un avvocato specializzato può offrire. In un sistema legale complesso e in continua evoluzione come quello italiano, avere un avvocato esperto al proprio fianco può fare la differenza tra subire passivamente un pignoramento e poter difendere efficacemente i propri diritti e il proprio sostentamento.

In tal senso, l’avvocato Monardo, coordina avvocati e commercialisti esperti a livello nazionale nell’ambito del diritto bancario e tributario, è gestore della Crisi da Sovraindebitamento (L. 3/2012), è iscritto presso gli elenchi del Ministero della Giustizia e figura tra i professionisti fiduciari di un OCC (Organismo di Composizione della Crisi).

Ha conseguito poi l’abilitazione professionale di Esperto Negoziatore della Crisi di Impresa (D.L. 118/2021).

Perciò se hai bisogno di un avvocato esperto in pignoramento pensioni, qui di seguito trovi tutti i nostri contatti per un aiuto rapido e sicuro.

Leggi con attenzione: se in questo momento ti trovi in difficoltà con il Fisco ed hai la necessità di una veloce valutazione sulle tue cartelle esattoriali e sui debiti, non esitare a contattarci. Ti aiuteremo subito. Scrivici ora su whatsapp al numero 377.0256873 oppure invia una e-mail a info@fattirimborsare.com. Ti ricontattiamo entro massimo un’ora e ti aiutiamo subito.

Leggi qui perché è molto importante: Studio Monardo e Fattirimborsare.com®️ operano in tutta Italia e lo fanno attraverso due modalità. La prima modalità è la consulenza digitale che avviene esclusivamente a livello telefonico e successiva interlocuzione digitale tramite posta elettronica e posta elettronica certificata. In questo caso, la prima valutazione esclusivamente digitale (telefonica) è totalmente gratuita ed avviene nell’arco di massimo 72 ore, sarà della durata di circa 15 minuti. Consulenze di durata maggiore sono a pagamento secondo la tariffa oraria di categoria.
 
La seconda modalità è la consulenza fisica che è sempre a pagamento, compreso il primo consulto il cui costo parte da 500€+iva da saldare in anticipo. Questo tipo di consulenza si svolge tramite appuntamenti nella sede fisica locale Italiana specifica deputata alla prima consulenza e successive (azienda del cliente, ufficio del cliente, domicilio del cliente, studi locali con cui collaboriamo in partnership, uffici e sedi temporanee) e successiva interlocuzione anche digitale tramite posta elettronica e posta elettronica certificata.
 

La consulenza fisica, a differenza da quella esclusivamente digitale, avviene sempre a partire da due settimane dal primo contatto.

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Giuseppe Monardo

Giuseppe Monardo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy

Perché Oltre 1.500 Tra Persone Come Te o Imprese Come La Tua In Oltre 16 Anni Si Sono Fidate Di Studio Monardo e Perché Ti Puoi Fidare Graniticamente Anche Tu